Oltre destra e sinistra: il Socialismo Fascista

Oltre destra e sinistra: il Socialismo Fascista

Presentato il libro del Prof. Mancini, un viaggio tra i rivoluzionari socialisti che cambiarono il ‘900 con uno sguardo al presente

di redazione

Cosa hanno in comune figure come Lenin, Mussolini, Bombacci, Sorel, nel tumultuoso mondo novecentesco? Lo ha spiegato il Prof. Roberto Mancini, presentando il suo libro “Oltre destra e sinistra: il Socialismo Fascista”, ieri all’ex Saragat, ad Anzio, presso le sale dell’Associazione Culturale Libertà e Azione che ha organizzato l’evento insieme alla Comunità Militante Aprilia. Introdotto da Cristiano Ruzzi, studioso di filosofia, l’autore ha ripercorso le radici rivoluzionarie di quei movimenti che presero il potere in Europa nel primo novecento. Uomini che capirono il fallimento delle democrazie parlamentari, venendo dal mondo socialista e di sinistra, teorizzando l’emancipazione del proletariato, finalmente raggiungibile dopo una chiara evoluzione storica. Corridoni e Bombacci, figure secondarie nella storia ufficiale, sono due dei personaggi più a cuore all’autore. Sindacalista rivoluzionario il primo, socialista e poi tra i fondatori del partito comunista il secondo, furono importantissimi nella formazione della coscienza rivoluzionaria del proletariato. Corridoni vedeva nel primo conflitto mondiale quella guerra non intesa solo come riconquista di Trento e Trieste, ma come il modo per i proletari di impossessarsi del ruolo di guida nazionale che la storia gli aveva promesso. Bombacci intimo amico di Mussolini, nemico politico nel 1919, e come detto tra i fondatori del partito comunista, nonostante gli squadristi gli avessero dedicato un coro di scherno, rimase al fianco del Capo del regime fascista fino agli ultimi momenti, senza mai avere la tessera del partito, per poi essere appeso a testa in giù nelle barbarie di Piazzale Loreto.

Uomini che furono importanti per conoscere anche l’identità di Benito Mussolini, il quale dovette rinunciare spesso, durante il ventennio, a concludere la Rivoluzione Fascista annunciata a Sansepolcro, in nome di compromessi che infine non pagarono. Ma dal 1944 al 1945, durante la Repubblica Sociale, iniziò un processo senza precedenti: la socializzazione dell’economia, un momento storico che riportò Mussolini alle sue origini rivoluzionarie.

Dopo la guerra le radici di sinistra o socialiste furono cancellate, da chi in nome dell’ingresso delle istituzioni, si riconobbe in una destra nazionale, troppo spesso cameriera della borghesia capitalista, ormai saldamente dominante nelle sfere dei poteri forti. La storia e gli stessi studiosi del fascismo trascurarono i momenti pre-fascisti di Mussolini e di tutti quei personaggi politici legati dalla lotta al capitalismo e alle caste politiche ed economiche che lo foraggiarono. La sinistra antifascista stessa eliminò non solo i personaggi, ma le nozioni stesse per cui combatterono, svuotando le conquiste sociali che cercavano di raggiungere.

Oggi nel nuovo mondo della democrazia parlamentare a dominare è il liberismo economico e il liberalismo politico: partiti che fanno parte della stessa faccia della medaglia si alternano al potere, non più espressioni di valori o visioni del mondo, ma di semplici interessi sovranazionali. I politici ormai eseguono le direttive poste dall’interesse di chi gestisce le nazioni come le proprie aziende, mentre anche i più promettenti, entrati nell’agone politico hanno venduto le proprie radici per farsi accettare da questa nuova democrazia totalitaria.

Invitiamo chiunque interessato a leggere il libro del Prof. Mancini, in grado di spiegare chiaramente, con esempi lampanti, aneddoti rari e con uno slancio passionale unico, proprio quella passione che animava coloro, sopra citati, che parlavano alle folle, identificandosi con queste e dividendone gli stessi disagi e patemi. Una pagina della nostra storia tutta da riscoprire per rimodulare un nuovo linguaggio politico eliminato dal ridondante politicamente corretto e dalla corsa alla rappresentanza nelle istituzioni.

 

Nessun commento

Lascia un commento